UMANITA' IN RIVOLTA
di Aboubakar Soumahoro
La nostra lotta per il lavoro e il diritto alla felicità.


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

       
STAMPA
L’impiegato sempre più piegato, frustrato e soggiogato.

Quando i servizi non hanno il giusto riconoscimento, nel sistema sociale e/o nella struttura economica, inevitabilmente ne risentono la retribuzione e la dignità del lavoratore.
Pertanto se una professione è tenuta in grande considerazione dal comune sentire, chi la esercita avrà un grande riconoscimento sociale e un conseguente alto compenso. Questo tendenzialmente, poichè esistono sempre le eccezioni e le “storture”. Due esempi: un attore oppure uno sportivo godranno di maggiore popolarità e di emolumenti sproporzionati, se confrontati con il vincitore di un premio Nobel; ma questo è.
Con l’avvento della cosiddetta “rivoluzione industriale 4.0” alcune attività ed alcuni servizi vanno scemando e, quindi, non hanno più la considerazione sociale e il riconoscimento economico che riscuotevano in precedenza.
La risposta dei consigli di amministrazione, prontamente attuata dai manager aziendali?
Tagliare sugli investimenti in strutture e intensificare lo sfruttamento dei lavoratori!
Oggi assistiamo all'attuazione delle due strategie sopra indicate che, però, risultano efficaci unicamente nel periodo breve o brevissimo.
Oltrepassata questa soglia temporale o si cambiano le strategie o si innesca la rivolta silente dei lavoratori e l'insoddisfazione degli stessi mercati.


di Mario Paganini

SERVIZI
  • HOME
  • LINK
  • LINK IT
  • Foto & Slide
  • Libri & Pubblicazioni
  • Presentationi
  • Voltana On Line
  • Non ci sto
  • Compagni di Liceo

  • ELEZIONI EUROPEE 2019
    Mancano pochissimi giorni alle Elezioni europee 2019. Tra il 23 e il 26 maggio 2019 circa 400 milioni di cittadini europei si recheranno alle urne per eleggere i loro rappresentanti a Strasburgo. In Italia si voterà domenica 26 maggio in tutti i seggi elettorali.
    Il Parlamento europeo è l’unica istituzione in seno all’Ue i cui membri sono eletti direttamente dai cittadini.

    Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
    Per saperne di più fai click qui.

    Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
    qui

    "L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
    qui.

    Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

    SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte