L’Italia era impreparata nel 1992 ed è ancor più impreparata oggi, per le difficoltà che si sono accumulate e perché ha capito con quali compagni di strada si è messa. Non accuso la sola dirigenza italiana della scelta errata, ma anche quella europea, che era ben conscia, anche spingendosi oltre la realtà fattuale, che l’Italia non fosse preparata per stare nella moneta unica così come era stata concepita.
Leggi tutto facendo click qui .

Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Perchè negli ultimi 35 anni, chi detiene l’uno per mille della ricchezza globale si è arricchito tanto quanto la metà più povera del mondo. Chi sono i dieci uomini più ricchi del pianeta.
Leggi tutto qui .

Il Bitcoin appare come moneta, ma dietro non ha niente che la garantisca davvero. L'opinione di Paolo Barnard la puoi conoscere facendo click qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

       
STAMPA
Talvolta il “privato” assomiglia tantissimo al “pubblico” !

Sabato 7 aprile mi sono recato presso l’accettazione della struttura Maria Cecilia Hospital Cotignola.
Parte del materiale diagnostico, ricevuto a fronte di esami clinici fatti in quella struttura, e da me affidato ad alcuni medici esterni, per un consulto, purtroppo non mi è stato riconsegnato. Mi necessita, pertanto, sapere come fare ad ottenerne copia.
Mancano pochi minuti al mezzogiorno. Noto uno sportello, il nr. 10, con una chiara indicazione “Informazioni”. Dal lato del pubblico non c’è nessuno, oltre il banco ci sono due impiegate. Mi reco, per correttezza, alla macchina e ritiro il biglietto premendo “Informazioni”. Sul biglietto leggo ore 12,01 e, per quel genere di richiesta, esistono zero persone in fila.
Passa circa un quarto d’ora, sul tabellone leggo il mio numero e l’invito a recarmi allo sportello n. 10. Quello già visto vicino all’ingresso. L’impiegata più anziana (con un accento non del luogo), guarda il mio documento d’identità, ascolta la mia richiesta. Mi informa che debbo tornare alla macchina, per richiedere un altro numero, a fronte di un altro servizio, quello con l’indicazione di pagamenti e SSN.
È quello che faccio.
Dopo un altro quarto d’ora compare sul tabellone il mio nuovo numero. Curiosamente lo sportello indicato è nuovamente il n. 10. Ci sono sempre le due impiegate di poc’anzi. L’impiegata più anziana (con un accento non del luogo) pare non riconoscermi, guarda il mio documento d’identità, ascolta nuovamente la mia richiesta, ma mi informa che non sa come fare. Mi consegna un biglietto, come quelli da visita, e mi invita a contattare, eventualmente anche per telefono, il successivo Lunedì, dopo le ore 8,00, la signora Vilma. Nessun anglicismo nel vergare di suo pugno il nome “Vilma”, che pare essere la sola persona, di tutta quella struttura, capace di rispondere ad una domanda, a mio parere, piuttosto banale !
E con un affabile sorriso mi saluta e mi congeda.
Una rondine non fa primavera, certo che talvolta il “privato” assomiglia tantissimo al “pubblico” !


di Mario Paganini

SERVIZI
  • HOME
  • LINK
  • LINK IT
  • Foto & Slide
  • Libri & Pubblicazioni
  • Presentationi
  • Voltana On Line
  • Non ci sto
  • Compagni di Liceo


  • Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
    Per saperne di più fai click qui.

    Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
    qui

    Fukushima, facciamo il punto della sittuazione a quasi sette anni dall'incidente alla centrale nucleare. Per comprendere meglio, ecco che cosa ha scritto ROBERT HUNZIKER nel sito www.counterpunch.org. Trovi sia la Parte Prima che la Parte Seconda. Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GEA CAVOLI. Fai click qui.

    ” [...] proseguendo con le politiche di “austerità” e affidando il riequilibrio alle sole “riforme strutturali”, il destino dell’euro sarà segnato: l’esperienza della moneta unica si esaurirà, con ripercussioni sulla tenuta del mercato unico europeo. Emiliano Brancaccio propone il monito degli economisti pubblicato dal Financial Times qui.

    Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

    SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte