www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
Lavoro, occupazione e produttività

Esiste una stretta correlazione tra la quantità di “lavoro”, il numero degli “occupati” e quanto gli occupati riescono a “produrre”.
Un esempio.
Per produrre diecimila unità di un bene, avendo 50 dipendenti, che lavorano ogni giorno per otto ore, sono necessari 25 giorni.
Se poi i 50 dipendenti lavorassero, ogni giorno, per 10 ore, allora di giorni ne occorrerebbero solamente 20, per ottenere le diecimila unità del bene desiderato.
Mentre 10 giorni risulteranno bastevoli, per ottenere le diecimila unità del bene desiderato, se - invece - ci fossero 125 lavoratori disposti a lavorare quotidianamente per otto ore.
Quindi: individuato un prodotto che abbia un mercato, possiamo scegliere tra: un aumento degli occupati oppure aumentare le ore lavorate da ciascun dipendente.
Naturalmente sono anche altre le variabili che hanno importanza; spesso un’importanza notevole, talvolta determinante. Pensiamo, ad esempio: ad una innovazione tecnologica, a nuove metodologie, ad una migliore organizzazione del lavoro, ecc.
Intenzionalmente le escludo.
Con questo mio scritto, infatti, mi preme evidenziare una situazione... “tipicamente italiana”. Ossia: riflettere sul diffuso aumento della produttività e della produzione, come conseguenza principalmente di un aumento delle ore di lavoro e, quindi, a scapito della occupazione. Una situazione che è sotto gli occhi di tanti, ma che in troppi fingono di non vedere.
Esistono, infatti, molte realtà aziendali nelle quali si fa lavoro straordinario. Poi ci sono anche quelle realtà nelle quali il lavoro straordinario viene fatto, ma non viene rilevato.
Di tutta evidenza e - prima ancora - di puro buon senso che, se una azienda ha richieste che vanno oltre le sue ordinarie capacità produttive, prima di assumere nuovo personale, è opportuno ricorra al lavoro straordinario, correttamente rilevato ed equamente compensato.
Esistono, invece, realtà e situazioni nelle quali le aziende richiedono prestazioni lavorative eccedenti il normale orario di lavoro, ma – purtroppo – sono occultate, non sono correttamente rilevate e in nessun modo ricompensate.
In Italia abbiamo, pertanto, molti disoccupati, a fronte dei quali abbiamo anche molti occupati, che lavorano oltre misura, e - quello che è realmente grave e triste - senza percepire nulla!
Cresce la produttività e la produzione, ma la nuova ricchezza non finisce nella mani giuste. Soprattutto: non è equamente ripartita. E questo, a mio parere, è vergognoso.
In attesa che i disoccupati si organizzino - magari sulla falsa riga delle tante “ronde per l’ordine e la sicurezza”, che danno una nota di colore a tante realtà urbane - sarebbe opportuno che “la politica” riprendesse a svolgere il suo ruolo.
E “la politica” dovrebbe “dare la sveglia” alle numerore istituzioni e struttrure pubbliche che già esistono in Italia.
In attesa di questo miracolo, suggerisco una metodo pratico, per verificare la fondatezza della mia affermazione. Può risultare un suggerimento utile sia a chi non ha assolutamente esperienza in materia, ma è curioso, sia a chi dovrebbe averlo come ruolo professionale, ma finge di essersene dimenticato.
Molto semplice: Individuare una azienda che ha ampliato i capannoni, oppure una azienda che ha concluso un processo di ristrutturazione.
Informarsi se tale azienda ha aumentato gli organici. Informarsi sugli orari di lavoro.
Per un mesetto prendere nota di quante persone escono un’ora dopo il termine dell’orario di lavoro o di un turno di lavoro.
Se la quota di lavoratori risultasse costantemente significativa (esempio: 15 – 20 % dei dipendenti), porre a costoro la domanda: “lavoro straordinario oppure volontariato?”
Sarà la dimostrazione della fondatezza o meno di queste mie note e - da dilettanti - avremo fatto meglio di tanti professionisti, pagati per farlo, tipo: ispettorato del lavoro, funzionari dell’Inps e delle Ausl, sindacalisti o giornalisti investigativi.


di Mario Paganini
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte