Ventisette psichiatri hanno pubblicato un libro intitolato «The Dangerous Case of Donald Trump». Nel libro Trump viene descritto come edonista, narcisista, prepotente, disumano, bugiardo, misogino, paranoico, razzista, egocentrico, sfruttatore, antipatico, inaffidabile, arrogante, insensibile, delirante, e apertamente sadico.
Leggi tutto facendo click qui .

Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Perchè negli ultimi 35 anni, chi detiene l’uno per mille della ricchezza globale si è arricchito tanto quanto la metà più povera del mondo. Chi sono i dieci uomini più ricchi del pianeta.
Leggi tutto qui .

Il Bitcoin appare come moneta, ma dietro non ha niente che la garantisca davvero. L'opinione di Paolo Barnard la puoi conoscere facendo click qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

       
STAMPA
Posseduti dal lavoro

In apparenza sono distinzioni sottili, ma non è così. Ed è bene scoprirlo presto, dal momento che di esistenze ne abbiamo unicamente una soltanto!
Per vivere occorre avere un lavoro. Quindi avere un lavoro è una fortuna. Esiste però anche l’eventualità che si viva unicamente per lavorare. E questo rappresenta un rischio. Il lavoro allora si impossessa dell’uomo. Il lavoro invade, occupa ogni attimo dell’esistenza delle persone. Non esiste più nulla all’infuori del lavoro o che abbia un valore e che meriti considerazione oltre il lavoro.
Può essere una scelta. Coscientemente si vuole, si persegue, si ha come unico scopo della propria esistenza il lavoro.
Il più delle volte, invece, è una imposizione esterna, una coercizione - più o meno percepita - che porta a consumare gran parte del tempo e dell’esisenza per il lavoro, rimanendo sul luogo di lavoro, portando nella testa continuamente, assiduamente e unicamente idee e pensieri attinenti uno specifico lavoro.
Una simile situazione o circostanza è il risultato di poca attenzione, vigilanza, capacità cognitiva e volitiva delle vittime, relativamente all’ambiente in cui sono inserite.
C’è, poi, chi si presta, accetta o si illude, per mille ragioni, di trarre benefici personali agendo da aguzzino così come c’è chi - per indole, per inerzia, per quieto vivere - finisce con l’essere vittima.
Esistono, poi, dei falsi miti quali:
le risorse sono infinite. Eppure tutti, quotidianamente, percepiamo che il pianeta Terra è grande, ma non è privo di limiti;
la crescita, il progresso, il benessere sono infiniti. Eppure tutti, quotidianamente, constatiamo i problemi derivanti dall’inquinamento, da un benessere che cresce in maniera non omogenea, di una ricchezza che aumenta per pochi e di una miseria che si espande per molti. Non mancano le situazioni assurde o scandalose. Si trovano risorse per cercare l’acqua su Marte, ma non per sconfiggere la carenza d’acqua potabile sulla Terra. Pare che assicurare un litro d’acqua potabile, agli occupanti la Stazione Spaziale Internazionale, costi 48 mila euro. Avendo a disposizione cifre con un simile ordine di grandezza, quanta acqua potabile potrebbe essere destinata a chi ne ha bisogno sulla Terra?!
Ultime considerazioni. Mi auguro che presto si rifletta anche sulla necessità di riconoscere “il diritto a rallentare” od anche “il diritto a rimanere fermi”. Così come mi auguro che presto ci si renda conto che anche le capacità dell’uomo (siano esse di resistenza fisica alla fatica e allo stress, siano esse intellettive) non possono avere una espansione infinita.
È di questi giorni il disagio creato a tante persone a seguito di modifiche al sistema di esazione delle imposte, oppure per un aggiornamento importante del sistema operativo del “fidato” computer, oppure come conseguenza delle modifiche alle modalità di pagamento tra singoli, tra società, tra Pubbliche Amministrazioni.
Non contesto il diritto all’ammodernamento o alla innovazione. Contesto il fatto che il cambiamento, anche quando non gradito e non richiesto, sia imposto indistintamente a tutti!
Quanti - ad esempio - si sono trovati nella sgradita situazione di trovarsi il “fidato” computer “impallato/bloccato” per un aggiornamento non voluto e non richiesto?
Quanti - altro esempio - si sono trovati nella tribolata situazione di dover recepire immediatamente le nuove modalità per il pagamento di somme o tributi ad una Amministrazione, senza averne fatto richiesta od averne avuto notizia con un congruo preavviso?
Si crede che siano stati necessari milioni di anni di evoluzione per portare alla comparsa dell’uomo. Eppure si vorrebbe che, nel volgere di poche decine di anni, l’uomo si adattasse ad un ambiente esterno in rapida mutazione. Una mutazione globale, che scardina e stravolge quanto preesistente.
E veniamo ai giorni nostri.
Alla adozione di tecniche di produzione sempre più frenetiche, sempre più complesse, che mutano e si rinnovano sempre più frequentemente. Il cambiamento è continuo, intenso, profondo. L’uomo non governa la macchina, ma l’uomo è un ingranaggio della macchina. È la macchina che detta il ritmo della produzione. Salvo poi scoprire che l’uomo è sempre migliore della macchina, se non altro perchè sa adeguarsi prontamente al mutare delle situazioni o sa come correggersi.
Tuttavia anche l’uomo ha sempre dei limiti ineludibili e inevitabili. Illusorio, anzi fallace, pensare il contrario. Purtroppo, ancora per qualche tempo, questa sarà la strada che percorreranno in molti, e cioè: aumentare la produzione, sfruttando di più i lavoratori. Poi ci si renderà conto che i costi collettivi e sociali (salute, disoccupazione, fenomeni migratori) sono troppo alti. E gli Stati dovranno intervenire per una nuova regolamentazione che renda il lavoratore non posseduto dal lavoro.


di Mario Paganini

SERVIZI
  • HOME
  • LINK
  • LINK IT
  • Foto & Slide
  • Libri & Pubblicazioni
  • Presentationi
  • Voltana On Line
  • Non ci sto
  • Compagni di Liceo


  • Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
    Per saperne di più fai click qui.

    Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
    qui

    Fukushima, facciamo il punto della sittuazione a quasi sette anni dall'incidente alla centrale nucleare. Per comprendere meglio, ecco che cosa ha scritto ROBERT HUNZIKER nel sito www.counterpunch.org. Trovi sia la Parte Prima che la Parte Seconda. Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GEA CAVOLI. Fai click qui.

    ” [...] proseguendo con le politiche di “austerità” e affidando il riequilibrio alle sole “riforme strutturali”, il destino dell’euro sarà segnato: l’esperienza della moneta unica si esaurirà, con ripercussioni sulla tenuta del mercato unico europeo. Emiliano Brancaccio propone il monito degli economisti pubblicato dal Financial Times qui.

    Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

    SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte