Il Pentagono svela il piano per “colpire preventivamente” la Corea del Nord. Ma che probabilità ci sono che ciò accada realmente?
Lo scopri facendo click qui .

Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano? Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?
Leggi tutto qui .

Ne il Sole 24 Ore del 6 luglio "trovate un’intervista a Paolo Petrignani, amministratore delegato di Quaestio Sgr, gestore di Atlante ed Atlante 2, a commento della conclusione positiva dell’operazione MPS, con acquisto della tranche junior e mezzanina della maxi cartolarizzazione di sofferenze della banca senese." L'opinione di Mario Seminerio la puoi conoscere facendo click qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

       
STAMPA
Mo' che ci stanno a fare ?

Eppur NON si muove.
La frase di Galileo, quella celebre, era priva del "non", era riferita alla Terra, non più al centro dell'universo, ma in movimento attorno al Sole. La mia, invece, è per lo stupore che provo verso le tante "strutture" che dovrebbero muoversi ed invece non fanno nullla.
Di quali "strutture" parlo? E in riferimento a che cosa?
Di quella moltitudine di istituzioni, enti, associazioni che pululano nel nostro Paese con molteplici finalità e scopi. Ma mi limito a quelle che hanno come riferimento il lavoro.
Noto che: esiste il LAVORO, esiste il VOLONTARIATO ed esiste il LAVORO STRAORDINARIO.
Il LAVORO è quello prestasto, dovuto, regolamentato e regolarmente pagato.
Il VOLONTARIATO è quello fatto liberamente, sotto la spinta di una motivazione ideale e non economica, senza fini di lucro.
Il LAVORO STRAORDINARIO è una prestazione di LAVORO occasionale e che - pertanto - eccede l'ordinario, per ragioni spiegabili e contingenti.
In questo momento, nel nostro Paese, imperversa ovunque, ossia: in tutti i settori, il LAVORO VOLONTARIO / STRAORDINARIO.
Di che si tratta?
Del lavoro prestato dai lavoratori, ma NON segnalato e NON ricompensato.
Esiste una pletora di motivazioni per cui il lavoratore talvolta sposa o, più spesso, soggiace a questa ... pratica.
Non mi addentro su questo aspetto.
Osservo che, sempre in Italia, come ho notato poco sopra, esiste una moltitudine di "strutture" che dovrebbe interessarsi al fenomeno "lavoro".
Questo "lavoro volontario / straordinario"
- dovrebbe ricevere l'attenzione dell'INPS, per i mancati versamenti dovuti.
- dovrebbe suscitare l'attenzione delle Unità Sanitarie Locali, tenute a vigilare sulla salute fisica, psichica e sociale dei cittadini.
- dovrebbe giustificare l'esistenza degli Uffici del Lavoro e della Massima Occupazione. infatti, se emergesse il molto lavoro straordinario reale, potrebbero essere attivatite le norme esistenti per dare nuova occupazione.
- dovrebbe vedere, in prima linea, mobilitarsi i SINDACATI per comprendere il fenomeno e adeguare l'onerosità della quantità di lavoro su un numero maggiore di lavoratori.
Nulla. Niente e nessuno.
Non accade nulla di tutto ciò...
Tu che idea ti sei fatta al riguardo?


di Mario Paganini

SERVIZI
  • HOME
  • LINK
  • LINK IT
  • Foto & Slide
  • Libri & Pubblicazioni
  • Presentationi
  • Voltana On Line
  • Non ci sto
  • Compagni di Liceo


  • La legge 185 vieta la vendita di armi a Paesi in guerra o responsabili di gravi violazioni di diritti umani, ma ciò non ha impedito ai governi italiani di fornire armi ai sauditi per centinaia di migliaia di euro. Ora a chiedere di cessare le forniture all'Arabia Saudita è lo stesso Parlamento Europeo, ma... Per saperne di più fai click qui.

    Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
    qui

    "Naturalmente nessuno è disposto a fare per primo l’ultimo passo, vale a dire che siccome solo la crescita potrebbe risolvere i nostri problemi, e siccome l’euro è nemico della crescita, perché la svalutazione interna (taglio dei salari) imposta dalla rigidità del cambio condanna alla deflazione, condizione necessaria per uscire dall’impasse è superare il sogno di una moneta imperiale ed evolvere verso un sistema monetario più flessibile". Per comprendere meglio, ecco che cosa ha scritto Alberto Bagnai. Fai click qui.

    ” [...] proseguendo con le politiche di “austerità” e affidando il riequilibrio alle sole “riforme strutturali”, il destino dell’euro sarà segnato: l’esperienza della moneta unica si esaurirà, con ripercussioni sulla tenuta del mercato unico europeo. Emiliano Brancaccio propone il monito degli economisti pubblicato dal Financial Times qui.

    Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

    SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte