Il Pentagono svela il piano per “colpire preventivamente” la Corea del Nord. Ma che probabilità ci sono che ciò accada realmente?
Lo scopri facendo click qui .

Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Perché Washington si impegna così tanto a rovesciare il presidente siriano? Come si spiega l’improvvisa apparizione nel 21° secolo della “minaccia musulmana”? La preoccupazione su tale minaccia come fa ad essere coerente con le guerre fatte contro Saddam, Gheddafi ed Assad, leader che hanno soppresso il jihadismo? Come si spiega l’improvvisa apparizione della “minaccia russa”, pompata fino a farla diventare una pericolosa russofobìa priva di fondamento?
Leggi tutto qui .

Ne il Sole 24 Ore del 6 luglio "trovate un’intervista a Paolo Petrignani, amministratore delegato di Quaestio Sgr, gestore di Atlante ed Atlante 2, a commento della conclusione positiva dell’operazione MPS, con acquisto della tranche junior e mezzanina della maxi cartolarizzazione di sofferenze della banca senese." L'opinione di Mario Seminerio la puoi conoscere facendo click qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

       
STAMPA
Sanità Pubblica. Un'esperienza probabilmente non esclusiva ...

In sintesi: controlleremo la sua capacità visiva, trascorsi più di 40 anni ... e controlleremo anche che il pacemaker le impedisca effettivamente di svenire ...
Ahi me, sono incappato nelle maglie della burocrazia ! E la burocrazia italiana è “specialissima”. È una burocrazia che- a mio parere - non ci invidia nessun Paese. Una burocrazia che, quando riguarda salute e Sanità Pubblica, diventa ancor più odiosa da sopportare. Eh, il paziente può non patire, ma di certo deve - sempre e comunque - pazientare !
Questa è la cronaca ...
Incappato in un controllo medico...
Relatore della Commissione medica: “Dunque lei è un portatore di pacemaker ...”
Io rispondo “Sì, lo confermo. Risulta dalla documentazione che ho consegnato. Così come penso risulti dalla mia Cartella clinica elettronica, consultabile nel sito del Servizio Sanitario Regionale.”
Il relatore: “Sa che doveva sottoporsi al controllo di una Commissione medica dopo l’impianto del pacemaker, per poter guidare l'automobile ?! Perchè non si è subito attivato ?!”
Io rispondo: “Mi hanno installato il pacemaker dopo un paio di strani svenimenti ed un conseguente ricovero d’urgenza al Pronto Soccorso. Mi hanno assicurato che, con il pacemaker, non avrei più rischiato di svenire; pertanto non avrei più rischiato di trovarmi (eventualmente) in una situazioni pericolosa. Quindi non capisco il motivo di un ulteriore controllo, da parte di una Commissione medica, quando già ci sono i controlli di routine, eseguiti dal reparto di cardiologia dell’ospedale.”
Il relatore: “Non importa quello che pensa lei. Importa quello che prevede la Legge !”
Io replico: “Chiedo scusa, ma proprio non capisco. Dunque, senza pacemaker io potevo svenire, ma non avrei dovuto sottostare ad alcun esame, da parte di una Commissione medica. Con il pacemaker, invece, io non posso più svenire, ma debbo recarmi, comunque, presso una Commissione medica. Ho indeso correttamente !?”
Il relatore: “ Non sia polemico ! Ah ... Vedo che lei è anche portatore di mezzi di correzione visiva ... Lei ha il cheratocono sull’occhio sinistro e qualche cosa anche sull’occhio destro ...”
Io rispondo: “Sì, mi è stato diagnosticato il cheratocono quando avevo 16 anni. Da allora porto le lenti a contatto. Alle visite per la patente non è mai stato considerato grave, anche perchè riguardava principalmente un solo occhio. Ed la correzione, operata dalle lenti a contatto, è sempre risutata idonea ed efficace. Il cheratocono si è stabilizzato, come in tanti casi, sui 45 anni. Quindi sono 15 anni che ...
Il relatore: “ Ah ... continua !... Bene, bene ! Ci rivedremo in Commissione medica. Ci sarò anch’io ... “
Io chiedo: “Quindi mi dovrò presentare qui tra ...
Il relatore: “No, non qui ! La Commissione medica, per queste cose, ha sede nel capoluogo di provincia. Quindi non qui, ma là ... Porti tutta la documentazione di cui dispone. E che sia recente; al massimo retrodatata di tre o sei mesi.”
Io chiedo: “Non capisco ! Che sia recente ?! Ma ha presente i tempi del sevizio Sanitario Pubblico ?! E poi, mi scusi, ma che ho il pacemaker già risulta. Che già mi sottopongo a dei controlli periodici annuali è principalmente nel mio interesse. E che la letteratura medica attesti che, se il cheratocono è stabile da 15 anni, compiuti i 60 anni peggiora raramente, è cosa risaputa.”
Il relatore: “Guardi ... riceverà una raccomandata con tutte le istruzioni del caso. Mi conferma l’indirizzo ? E poi può benissimo andare privatamente sia da un cardiologo, sia da un oculista !”.
Io rispondo: “Le confermo l’indirizzo. Ma mi consenta una considerazione: se io mi scelgo sia il cardiologo sia l’oculista, ed io pago le loro parcelle, per quale ragione tale loro refertazione ... recente dovrebbe essere più seria ed attendibile di quella già disponibile, eseguita da medici di una struttura sanitaria ospedaliera pubblica ?!”
Il relatore: “Buona sera ... “
Ricambio il saluto.
Rifletto: in Italia la burocrazia dissipa risorse in grande quantità e tuttavia nessuno osa toccarla. Perchè ?
Ho il sentore, poi, che anche gli sviluppi della mia vicenda si riveleranno interessanti.
Sarà mia cura darne notizia.


di Mario Paganini

SERVIZI
  • HOME
  • LINK
  • LINK IT
  • Foto & Slide
  • Libri & Pubblicazioni
  • Presentationi
  • Voltana On Line
  • Non ci sto
  • Compagni di Liceo


  • La legge 185 vieta la vendita di armi a Paesi in guerra o responsabili di gravi violazioni di diritti umani, ma ciò non ha impedito ai governi italiani di fornire armi ai sauditi per centinaia di migliaia di euro. Ora a chiedere di cessare le forniture all'Arabia Saudita è lo stesso Parlamento Europeo, ma... Per saperne di più fai click qui.

    Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
    qui

    "Naturalmente nessuno è disposto a fare per primo l’ultimo passo, vale a dire che siccome solo la crescita potrebbe risolvere i nostri problemi, e siccome l’euro è nemico della crescita, perché la svalutazione interna (taglio dei salari) imposta dalla rigidità del cambio condanna alla deflazione, condizione necessaria per uscire dall’impasse è superare il sogno di una moneta imperiale ed evolvere verso un sistema monetario più flessibile". Per comprendere meglio, ecco che cosa ha scritto Alberto Bagnai. Fai click qui.

    ” [...] proseguendo con le politiche di “austerità” e affidando il riequilibrio alle sole “riforme strutturali”, il destino dell’euro sarà segnato: l’esperienza della moneta unica si esaurirà, con ripercussioni sulla tenuta del mercato unico europeo. Emiliano Brancaccio propone il monito degli economisti pubblicato dal Financial Times qui.

    Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

    SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte