mariopaganini@gmail.com
STAMPA
Il popolo della Crimea e del Donbass non ha diritto all'autodeterminazione?

E' passato quasi un anno da quando la Russia ha lanciato la sua "operazione militare speciale" in Ucraina. Per molti dei nostri amici nell'Europa dell'Est, sono sicuro che sembra una vita.
Tuttavia, Ŕ facile dimenticare che questo conflitto Ŕ iniziato davvero nel 2014, quando i separatisti di Donetsk e Luhansk hanno dichiarato la loro indipendenza da Kiev. (Allora, come oggi, i separatisti erano sostenuti da Mosca.) Nello stesso anno, la Russia ha annesso la Crimea all'Ucraina.
Da quando la Russia ha invaso il territorio centrale dell'Ucraina lo scorso anno, Kiev ei suoi alleati sono stati irremovibili su un punto: qualunque altra cosa accada nel corso di questa guerra, non accetteranno l'indipendenza di Donetsk e Luhansk. Ora, Kiev sta alzando la posta. La scorsa settimana il New York Times ha riferito che gli Stati Uniti potrebbero fornire all'Ucraina armi anche per riconquistare la Crimea.
Possiamo discutere se tale obiettivo sia fattibile o addirittura possibile. Ma dovremmo essere assolutamente chiari su una cosa: se l'Ucraina riconquista la Crimea - o Luhansk, o Donetsk - lo farÓ, non come liberatori, ma come conquistatori.
Molto prima che la Russia invadesse l'Ucraina, era chiaro che gli stessi Crimea desideravano in modo schiacciante unirsi alla Russia. Un referendum ufficiale del 1994 ha rilevato che quasi l'80% dei Crimea desiderava una maggiore autonomia regionale. Nello stesso anno, tuttavia, Yuriy Meshkov Ŕ stato eletto presidente della Crimea con il 72% dei voti. La sua campagna aveva un solo asse importante: l'unitÓ con la Russia.
Il governo di Kiev ha risposto al referendum, non concedendo pi¨ autonomia alla Crimea, ma abbattendo la loro costituzione, togliendo loro tutta l' autonomia che avevano una volta. L'Ucraina ha anche abolito la carica di presidente della Crimea, ha arrestato Meshkov e lo ha esiliato in Russia.
Semmai, la repressione dell'Ucraina sulla Crimea ha aumentato il desiderio dei locali di unirsi alla Russia. Un referendum del 2014 ha rilevato che il 96% del pubblico ha sostenuto l'annessione. I risultati furono comprensibilmente controversi, dato che le truppe russe avevano giÓ iniziato ad occupare la Crimea. Ma quando Gallup condusse un sondaggio l'anno successivo, scoprý che oltre l'80% degli intervistati riteneva che il referendum fosse accurato.

FONTE: "https://www.theamericanconservative.com/the-dangers-of-ukrainian-revanchism/".


Michael Warren Davis
GIAMPA Solution Questo sito NON utilizza cookie.