www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
Scuola statale e scuola non statale

Accanto ad una scuola sovvenzionata con risorse pubbliche esiste, in tutto l’Occidente, una scuola libera, che raccoglie risorse dai privati (incentivati, in queste oblazioni, da un regime legislativo favorevole). In questo contesto è corretto inserire alcuni accordi politici sottoscritti nella nostra regione e nel nostro comune; si tratta di convenzioni tra Amministrazioni pubbliche ed enti privati (non mossi da fini di lucro) aventi per oggetto l’assolvimento di compiti istituzionali loro propri, quali la gestione di scuole materne o l’organizzazione di corsi di formazione professionale.
Come Partito Popolare di Lugo cogliamo, allora, l’occasione per formulare alcune considerazioni. In primo luogo il contesto storico e sociale. In un momento di tagli, anche dolorosi, alla spesa pubblica, si prende atto del risparmio collettivo che questi enti, con la loro azione, consentono operando, seriamente e da lungo tempo, per il bene e per lo sviluppo delle comunità locali. E’, dunque, costituzionalmente corretto che venga dato (dalla collettività) un aiuto economico, concorrendo ai costi della gestione, a quanti consentono (alla collettività) un risparmio, contenendo le spese derivanti dalla creazione o dal mantenimento di strutture. Sono, inoltre, conosciute le differenze sia dei costi che dei benefici, quando la “cosa” é pubblica e quando la “cosa” é fruibile con criteri pubblici, ma governata, con diligente passione e premurosa attenzione, dal privato, un privato, si noti, animato da indirizzi diversi dal puro lucro e, quindi, totalmente estraneo ad una logica di sfruttamento esasperato. Sono molti gli enti religiosi che, animati da sincero spirito di servizio e mossi dal desiderio di emancipare le popolazioni, operano nel nostro territorio, sovente con una tradizione secolare.
Da un punto di vista esclusivamente finanziario é evidente il recupero di risorse per la collettività, risorse che possono (eventualmente) essere destinate ad altre finalità (esempio: sanità, servizi sociali, ecc.).
Cinquant’anni di compagini governative di “centro” non hanno consentito il raggiungimento di accordi significativi. Oggi, con i “rossi”, dopo una accorta trattativa, giungono sia il riconoscimento della funzione pubblica, assolta da alcuni enti privati, sia le convenzioni. Si deve prendere atto dell’accaduto e riconoscere il merito dei risultati conseguiti all’impegno profuso dal Partito Popolare, partito che ha, nel suo patrimonio culturale, una visione della vita, della persona e dello Stato fortemente ispirata all’evento cristiano. E’ un partito che darà un contributo affinché venga trovata la proposta giusta alle due nuove sfide che si profilano: la “riserva etnica” e le “discriminazioni”. Nel primo caso si intravede il rischio di ridurre il fatto cristiano alla ricerca di un ghetto dorato, secondo una logica gradita alle minoranza etniche o, con altre parole, di assistere alla rinuncia da parte dei cristiani ad essere “annuncio” per tutti. Il secondo caso è una possibile risposta del mercato del lavoro di maggior gradimento per i giovani provenienti da scuole con certe caratteristiche. Non cambieranno, invece, i criteri di selezione per il personale docente.


Mario Paganini - Partito Popolare Lugo
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte