www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
Domenicaglia

- Lapsus freudiano ?
“America, first!” Ma gli U.S.A. non sono tutta l’America! Mr. Trump, lei dovrebbe dire: “The United States, first!”. Una curiosità signor Presidente: se le sta così tanto a cuore “America, first!” perchè si affanna tanto a voler costruire un muro con l’attiguo Messico? Mr. Trump guardi che a Sud degli U.S.A. non c’è una landa desolata, ci sono tanti popoli e nazioni. Non può ignorarle. O forse inconsciamente pensa non esistano popoli e nazioni?

- Informazione completa e corretta, oppure informazione scorretta e corrotta?
Uno, due, tre ... siamo a 18 giorni di mobilitazione. I francesi hanno la testa dura e non mollano. Da mesi scendono in piazza per protestare.
Domanda i gilet gialli CHE COSA VOGLIONO?
I mass-media mi hanno reso edotto che “è una conseguenza dell’annunciato aumento del costo del carburante.”
Cari cugini d’oltr’Alpe, in Italia sapete quanto costa il carburante? E noi italiani non facciamo tutte le storie e le piazzate che, invece, voi francesi continuate ad inscenare!
I mass-media mi hanno mostrato i vostri ultimi eccessi. Cari cugini d'oltr'Alpe capisco che diciotto giorni di proteste, senza risultati, possano avere incattivito gli animi. [Non capisco invece l’atteggiamento delle forse dell’ordine che lasciano campo libero ai black block.] Temo dovrò capire e giustificare se, alla decina di morti casuali che già si contano tra i gilet gialli, si dovessero aggiungere anche i morti prodotti da “un poco di mitraglia, usata contro degli sfascisti e dei facinorosi.”
Penso sarà questo il finale molto prossimo.

- Mal d’Africa? Soprattutto: Algeria sofferente.
In Algeria erano state indette delle elezioni farsa, che avrebbero riconfermato l’attuale Presidente.
Risultato di tre venerdì di protesta e di mobilitazione degli Algerini?
Sono state revocate le elezioni farsa e l’attuale Presidente è stato riconfermato.
Però gli Algerini prima o poi realizano l’accaduto e riprenderanno a protestare.
Poi, quando avranno protestato inutilmente per diciotto giorni, avranno sempre una opzione in più dei gilet gialli francesi; ossia: MIGRARE in qualche Paese, limitrofo o quasi, ossia: europeo.


di Mario Paganini
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte