www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
Riforma della Costituzione alla Renzi ? NO, grazie !

“Non si può risolvere un problema usando la stessa mentalità che lo ha creato.”
Albert Einstein

Per il Financial Times: "Le riforme costituzionali di Renzi sono un ponte sul nulla. Ciò di cui ha bisogno l'Italia non sono Leggi approvate in fretta, ma poche e buone Leggi."

“La sovranità non ‘emana’ dal popolo ma, dice la Costituzione, al popolo ‘appartiene’ (Art. 1), continua ad appartenergli e non si trasferisce con l’elezione. Il contenuto della democrazia ‘non è che il popolo costituisca la fonte storica o ideale del potere, ma che abbia il potere’, che non abbia la nuda sovranità, ma l’esercizio della sovranità che non si limita al momento delle elezioni (così il costituzionalista Esposito). E dunque la volontà del popolo non può essere irrevocabilmente inchiodata a tale momento e congelata fino a nuove elezioni come pretenderebbe chi vuol conservare inattaccabile il Governo inizialmente costituito. Le situazioni, i fatti sociali, le contingenze politiche mutano e con essi l’orientamento dei cittadini: nei sistemi parlamentari il Governo non è inamovibile, ma sostituibile mediante la sfiducia. Eliminarla, renderla impossibile o eccessivamente difficoltosa non è consentito.” (così la costituzionalista Lorenza Carlassare).

“Un punto che è importante definire è il cambiamento nello statuto politico dei cittadini e del popolo, che era un tempo il depositario della sovranità. Nello Stato di sicurezza si assiste a una tendenza inarrestabile verso una depoliticizzazione progressiva dei cittadini, la cui partecipazione alla vita politica si riduce a sondaggi elettorali. Questa tendenza è tanto più inquietante, in quanto era stata teorizzata dai giuristi nazisti, che definivano il popolo come un elemento essenzialmente impolitico cui lo Stato doveva garantire protezione e crescita”. Giorgio Agamben

La distorsione della rappresentanza prodotta dalla legge elettorale “Italicum” è il binario che corre parallelo alla revisione costituzionale. È lo scheletro di quella che la cosituzionalista Lorenza Carlassare definisce la “verticalizzazione progressiva del potere”. E cioè quella “tendenza verso la democrazia autoritaria che da noi, in Italia, piace da molto tempo. L’idea che, in fondo, la nostra non debba a tutti i costi essere una democrazia compiutamente vissuta e partecipata, ed è da qui che si comprende la necessità degli autori della verticalizzazione di cambiare, come primo atto, la legge elettorale. Il vero obiettivo è ridurre i bisogni sociali che giungono a livello istituzionale, ritenuti troppo numerosi e ai quali non è possibile far fronte senza sacrificare interessi già protetti. È per questo motivo – prosegue la cosituzionalista Lorenza Carlassare – che si giunge a recidere i canali di trasmissione delle domande, la pluralità dei partiti, scegliendo di perdere per strada molte voci, escludendo strati sociali inascoltati, riducendo i margini di dissenso e lasciando al mercato la dettatura del ritmo a queste “forme” di democrazia”


APPUNTI di Mario Paganini. da: LE RAGIONI DEL NO ediz. Altra Economia Soc. Coop.
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte