www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
Se la Cina copia l’Italia, l’Italia copia la Cina!

Facciamo il punto della situazione. In tutto l’Occidente e (quindi, nonostante tutto) anche in Italia si fanno ottimi prodotti. I Cinesi (e non solamente loro) hanno usato poco la loro intelligenza, mentre hanno saputo ben sfruttare la sterminata riserva di manodopera a loro disposizione. Quindi: ci hanno copiato e sulla loro capacità di copiarci hanno basato il loro sviluppo economico.
Ma, ora, i cinesi stanno anche usando (e bene) la loro intelligenza. Ad esempio: hanno mandato in orbita un uomo. Ed ancora: stanno installando un loro sistema di posizionamento satellitare.
Invece che cosa stiamo facendo in Italia? Stiamo cercando di imparare a copiare, ossia: vorremmo fare, ora, quello che hanno fatto i cinesi fino a poco tempo addietro. Con altre parole: ora noi vogliamo a nostra volta copiare da quelli che ci copiavano!
Sì, lo so, dovrebbe essere un nonsenso manifesto. Eppure le scelte fatte ieri dal Governo Berlusconi e confermate - nella sostanza - oggi dal Governo Monti, vanno in quella direzione. Si continua a tagliare sull’istruzione e sulla ricerca. Si agevola la “fuga dei cervelli” … E si finisce per giocarsi tutto (il mercato) sul costo del lavoro. Si scommette, allora, sempre più sulla forza e resistenza fisica. La foga e la frenesia, poi, ci accompagnano ininterrottamente.
In Italia rischiamo di disimparare sia a fare uso della propria testa sia alla buona abitudine di fare, alla bisogna, ricorso al comune buon senso.
Insomma è come se stessimo copiando male dai cinesi. Così anche noi andiamo in orbita (senza decollare), finendo con l’essere ben lontani dalla realtà del quotidiano. Inoltre, con o senza navigatore satellitare e sistema di posizionamento proprietario, comunque: non abbiamo più riferimenti certi e condivisi; non sappiamo più chi siamo, che cosa vogliamo e dove stiamo andiamo.
In questa situazione non è facile essere ottimisti.
Forse può aiutare la considerazione che … poteva andare anche peggio. Infatti, se avessimo preso, come modello da copiare, anziché i cinesi, i pirati che - dalle coste del Corno d’Africa - infestano l’Oceano Indiano, a quest’ora e nel prossimo futuro ...


di Mario Paganini
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte