www.mariopaganini.it mariopaganini@gmail.com


Il sistema monetario internazionale, come stabilito a Bretton Woods nel 1944, è diventato il più grande ostacolo alla pace e alla prosperità del mondo. Ora la Cina, sempre più sostenuta dalla Russia – le due grandi nazioni eurasiatiche – si sta adoperando per creare una valida alternativa allo strapotere del dollaro. Leggi tutto facendo click qui.

Quello appena varato non è un vero e proprio reddito di cittadinanza e non ci si può attendere molto da esso in termini di sviluppo.
E’ questo il parere di Emiliano Brancaccio qui .


Il trilemma di Rodrik. Guido Brera spiega che cos'è. Fai click qui.

Banche, non aprite quella porta. Le conseguenze di un bail-in su alcune banche a Nordest potrebbero essere nefaste. Fai click qui.

E così la Brexit è avvenuta. Il Prof. Gustavlo Piga ci ricorda "da 5 anni ... ho cercato di spiegare ... come un’uscita di un primo “qualcuno” fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo si fosse voluto". Leggi tutto qui

SERVIZI -> Foto & Slide -> Il West route 66

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito pubblico. Se non capisco, non pago. Fai un doppio click.

HOME LINK LINK-IT Foto Pubblicazioni Presentationi Chi sono
Racconti
Poesie
Cittadino
Consumatore
Artisti
Mostre
Articoli
Documenti
STAMPA
S’lè nôt üs farà dè

Sono affermazioni non dimostrate, eppure sono credute, condivise o - alla peggio - ripetute senza neppure fingere di pensare. Sarà capitato anche a te di ascoltare frasi come queste: “Il mercato crea ricchezza!” e “Solamente abrogando l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori sarà possibile creare nuova occupazione!”
Io le ho sentite dire, anche recentemente, da X mentre mi rendeva partecipe delle “spartane” prospettive occupazionali di sua figlia. Simili anche le parole usate da Y che - con il giusto orgoglio di essere il padre di un giovane professionista, competente e impegnato - mi illustrava le “pesanti” difficoltà iniziali incontrate dal giovane. Sia X che Y concludevano (senza spiegare) esistesse una correlazione tra le “virtù del libero mercato”, le esecrande “distorsioni prodotte dall’articolo 18” e le dure condizioni lavorative dei figli.
Naturalmente sia X che Y hanno un buon titolo di studio, una buona posizione sociale, i figli sono laureati e tutti loro hanno (quelle che sono dette) “ampie opportunità di acquisire informazioni e conoscenze oltre la media”.
“Le idee dominanti sono quelle delle classi dominanti” ha detto qualcuno. Ossia, con altre parole: “Se le classi dominanti riescono ad inculcare nelle teste dei dominati idee contrarie agli interessi di questi ultimi, nulla potrà cambiare.”
Infatti, come potrà sorgere un pensiero diverso se tutti condividono l’analisi del momento storico sociale che stanno vivendo?! E, di conseguenza, se tutti considerano come ineluttabile il presente, chi agirà per cambiare e tentare di avere un futuro diverso!?
Tuttavia “intelligenza” ed “evidenza” sono costrette a … percorrere la stessa strada. Quindi, prima o poi, riescono a produrre delle sinergie. La realtà possiamo plagiarla, falsificarla, crearcela su misura, ma solamente entro un certo limite. È possibile andare oltre solo quando è gravemente carente (oppure: totalmente mancante) l’intelligenza, ossia la capacità di vedere dentro alle cose, di leggere in profondità gli eventi. Fortunatamente non è così.
Ed allora possiamo, finalmente, ragionare e far riflettere sul come e sul perché il “libero mercato” stia rendendo i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. Da notare che non stiamo confrontando l’Occidente con il Terzo Mondo. Stiamo parlando di una Italia nella quale, oggi, dopo anni di “libero mercato” le dieci persone più ricche posseggono tanto quanto i tre milioni di poveri nostrani (fonte: Banca d’Italia).
La domanda è retorica: “Ci sta bene che le cose proseguano su questa strada?”
Adesso un bel respiro e, con il cervello ben ossigenato, consideriamo la frase: “Per aiutare i precari occorre togliere ai garantiti (l’ articolo 18, appunto). Poiché se tutti diventano precari …” A questo punto attiviamo le corde vocali e ascoltiamo bene quanto stiamo per dire. Occorre terminare la frase con una motivazione, un perché, ad esempio potremmo aggiungere queste parole: “Se tutti diventiamo precari gli imprenditori della Corea e del Kentuky avranno finalmente una buona ragione per delocalizzare in Italia!”
Se non abbiamo saputo trattenere un sorriso (amaro) è perché ci siamo accorti che, come nella novella, il sovrano procedeva - innanzi ad una nutrita schiera di cortigiani - completamente spoglio dei suoi regali indumenti.
Sono convinto che sia X che Y stiano rimuginando (e, probabilmente, non saranno i soli) quanto alla solidità di certe argomentazioni. Scoperto che “il re è nudo”, riprendiamoci il nostro destino.
Il futuro deve essere ancora scritto!


Mario Paganini
Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
Per saperne di più fai click qui.

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale. Fai click
qui

"L’Italia è il terzo paese al mondo, dopo Usa e Germania, per riserve auree, con le sue 2.158 tonnellate di oro. [Poter] fare un misero deficit del 2,04%. Gli Stati Uniti [...] durante l’ultima crisi hanno fatto senza problemi un deficit del 13%". Così Fabio Dragoni, imprenditore e giornalista, vi presenta la nuova “banconota” che da settembre il Governo dovrebbe affiancare all’Euro. 70 miliardi di crediti di imposta che potranno iniziare a circolare esattamente come l’Euro, finendo diritti nell’economia reale e contribuendo ad aggirare le regole dell’austerity con le quali l’Europa chiude i rubinetti dell’Euro ai popoli sovrani. Per saperne di più fai click
qui.

Il percorso: SERVIZI -> Libri & Pubblicazioni -> Debito Pubblico. Come uscirne senza strozzarci. Fai un doppio click.

SERVIZI -> Foto & Slide -> Dubai 2a parte